Lobbies è il primo gioco da tavolo LGBTQ made in Italy

La lobby gay esiste, anzi ce n’è più di una!

Lobbies è un gioco da tavolo interamente ideato, autofinanziato e autoprodotto dai ragazzi della Gilda del Cassero, il gruppo nerd della famosa organizzazione LGBTQ bolognese. Scopo del gioco, ricco di elementi autoironici, è far sì che la propria lobby di appartenenza, a scelta tra Edonisti, Attivisti, Queer e Upperclass, conquisti la città organizzando eventi e sfruttando le proprie risorse (denaro, consenso, militanti e propaganda), in una rete di strategie e alleanze di comodo, aumentando la propria influenza nell’ambiente.

Avremmo, quindi, ad esempio, gli Attivisti che organizzeranno manifestazioni per i diritti e campagne di prevenzione, gli Edonisti che organizzeranno sex party e tutte le lobby riunite per formare un Pride. A ogni lobby è associato un colore e ogni carta appartenente a uno specifico gruppo è stata illustrata da un artista diverso: Jacopo Camagni per i Queer, colorati di rosa, Giopota per gli Attivisti, rappresentati dall’azzurro, Flavia Biondi per gli Upperclass, in giallo, e Mush Dirty Kawaii per i verdi Edonisti.



All’interno del gioco sono presenti anche carte dedicate a eventi LGBTQ reali e a personaggi che hanno sostenuto e incoraggiato la Gilda in questo progetto, come M¥SS KETA, Monica Cirinnà e Drusilla Foer.

Lobbies è un gioco da tavolo che mira all’inclusività e alla consapevolezza che, seppur diversi, possiamo collaborare per degli obiettivi comuni, mantenendo comunque la nostra identità, ma è anche un gioco che strappa un sorriso grazie alla sua ironia, curatissima nei dettagli, che prende in giro tutti i luoghi comuni della comunità arcobaleno, dalla passione per il puttanpop all’utilizzo dei social.

 

Leggi anche: Miss Monopoly, il gioco da tavolo che ribalta la disparità salariale tra uomini e donne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *