Donald Trump, la sorella lo descrive come «bugiardo, senza principi e crudele» in alcuni audio rubati

Mary Trump, nipote del presidente americano Donald Trump, torna a far parlare del suo libroToo Much and Never Enough. How My Family Created the World’s Most Dangerous Man” e dello zio ricandidatosi alla presidenza.

Il libro, che il tycoon provò a bloccare, è un vero è proprio pugno nello stomaco per colui che viene descritto come un «debole», il cui «ego fragile va rinvigorito continuamente, perché sa perfettamente di non essere nulla di ciò che afferma di essere» ed ora sbucano delle registrazioni a riprova di una delle accuse lanciate nel libro.

Mary Trump ha infatti consegnato al Washington Post una conversazione di 15 ore con la sorella del presidente, Maryanne Trump Barry, che afferma e racconta come Donald entrò all’Università della Pennsylvania perché qualcun altro fece il test di ammissione al suo posto. Dai nastri evinciamo quindi come sia Barry, ex giudice di corte d’appello federale oramai in pensione, la fonte sul passato scolastico del presidente americano.

«Era una peste, ho fatto i compiti per lui, e lo portavo in giro per New York per cercare di farlo entrare al college», racconta. E continua: «È andato a Fordham per un anno e poi è entrato all’Università della Pennsylvania perché qualcuno ha fatto gli esami per lui». Quel qualcuno sarebbe il defunto Joe Shapiro, la cui famiglia nega però tutto. Prima che queste registrazioni venissero rese pubbliche non erano mai uscite delle dichiarazioni negative di Barry sul fratello che invece viene qui descritto come un «bugiardo, senza principi e crudele».

«Ogni giorno c’è qualcos’altro, che importa», ha replicato Donald Trump ricordando poi suo fratello Robert da poco defunto. Un attaccamento alla famiglia che sembra contravvenire a tutto quello scritto nel libro di sua nipote.