Inizia il Pride Month e J.K. Rowling lo celebra con nuovi tweet transfobici

J.K. Rowling ci riprova ancora: la fluidità di genere cancellerebbe il concetto stesso di donna.

Mentre in tutto il mondo ci si muove a sostegno delle minoranze, chiedendo a gran voce l’inclusività, la scrittrice inglese twitta un nuovo post transfobico. Questa volta a minare la sua sicurezza di donna cis-etero, è l’identità di genere e l’idea stessa che questa rientri in uno spettro e non in un binarismo manicheo.

«Se il sesso non è reale, non ci può essere attrazione per lo stesso sesso – sostiene la Rowling – Se il sesso non è reale, la realtà vissuta delle donne a livello globale viene cancellata. Conosco e amo le persone trans, ma cancellare il concetto di genere rimuove la capacità di molti di discutere in modo significativo delle proprie vite. Non è odio dire la verità».

«L’idea che le donne come me, che sono state empatiche per le persone trans da decenni perché sono vulnerabili allo stesso modo delle donne alla violenza maschile – incalza – “odino” le persone trans perché pensano che il sesso sia reale e ha vissuto conseguenze è un’assurdità».

«Rispetto il diritto di ogni persona trans di vivere in un modo che sia autentico e confortevole per essa – conclude la madre di Harry Potter – Avrei marciato con voi SE foste discriminati sulla base dell’essere trans. Allo stesso tempo, la mia vita è stata plasmata dall’essere femmina. Non credo sia odioso dirlo».

I tweet, allineati al femminismo radicale trans-escludente, risultano del tutto inopportuni durante il Pride Month, oltre che del tutto antiscientifici, come hanno fatto notare i numerosi utenti del social network che hanno commentato i vaneggiamenti della scrittrice.

«Come medico, voglio che le persone sappiano che il sesso esiste su uno spettro biologico bimodale proprio come il genere esiste su uno spettro sociologico bimodale. Mentre la maggior parte si identifica come maschio o femmina, ci sono individui intersessuali e trans le cui identità sono altrettanto valide e reali – twitta il medico Eugene Gu, CEO di CoolQuit, piattaforma in prima linea nella ricerca contro COVID-19, sottolineando anche le esecrabili pratiche sugli individui intersex – Inoltre, è un fatto scientifico che i pazienti intersessuali con un cariotipo XY 46, che sono per definizione geneticamente maschi, sono rimaste incinte e hanno persino partorito. Sfortunatamente, i medici hanno cancellato l’esistenza di molti pazienti intersessuati attraverso interventi di mutilazione genitale alla nascita».

«Letteralmente NESSUNO ha detto che il concetto di sesso o donna è cancellato – twitta la canadese Maddy Eisenberg – Sei TU l’unica a cancellare la legittimità delle persone trans. Ti preghiamo di riconsiderare le tue opinioni, per le persone trans e per così tanti che ti idolatravano».

«A che serve usare una piattaforma di 14 milioni di follower per questo? Nel mese di dell’orgoglio LGBT+, poi? – commenta lo scrittore Sebas G. Mouret – L’esistenza di persone trans / non binarie non ti rende meno donna .Smetti di sentirti attaccata e leggi qualcosa sul “genere”». Dello stesso avviso il professor Patrick Thornton dell’Università del Maryland che le risponde: «Sei una grande scrittrice. Sarebbe ora di diventare anche una buona lettrice».

«Le persone trans SONO discriminate e tu chiaramente non le stai rispettando – controbatte l’illustratrice Amy Dallen – Se, come affermi, hai delle persone trans che conosci e ami, mi dispiace per loro: le stai deludendo e disonori la tua eredità ad ogni passo che fai in questa odiosa direzione».

Un altro triste capitolo del femminismo radicale che la Rowling avrebbe potuto evitare di scrivere.

2 thoughts on “Inizia il Pride Month e J.K. Rowling lo celebra con nuovi tweet transfobici

Comments are closed.