Il matematico gay Alan Turing sarà sulla banconota da 50 sterline

Alan Turing, matematico inglese considerato il padre dell’informatica, apparirà sulla banconota da 50 sterline nel Regno Unito a partire dal 2021. Lo ha annunciato oggi la Banca d’Inghilterra, come risultato di una votazione in cui i britannici erano chiamati a scegliere uno scienziato il retro della banconota.

«Come padre dell’informatica e dell’intelligenza artificiale, nonché eroe di guerra, i contributi di Alan Turing erano di vasta portata e sconvolgenti: Turing è un gigante sulle cui spalle adesso stanno così tante» ha affermato Mark Carney, governatore della Banca d’Inghilterra.

In passato, più precisamente in occasione del centenario della sua nascita, ad Alan Turing fu dedicato un francobollo ma, a differenza della banconota che ritrarrà il suo volto, su di esso vi era raffigurata una macchina bomba progetta dal matematico inglese.

Di Jon Callas da San Jose, USA – Alan Turing, CC BY 2.0

La storia di Alan Turing

Nel film The Imitation Game del 2014, veniva eccellentemente raccontata la storia di Turing, un genio della logica e della crittografia che è risultato cruciale per la sconfitta dei nazisti durante la seconda guerra mondiale. Nonostante ciò, lo scienziato venne anni dopo fu arrestato per “omosessualità” e condannato alla castrazione chimica.

Dal film “The Imitation Game”

Alan si difese dicendo soltanto che «non scorgeva niente di male nelle sue azioni». Per oltre un anno fu costretto a sottoporsi a trattamenti che gli provocarono un calo della libido e la ginecomastia, vale a dire lo sviluppo del seno. L’uomo cadde in depressione, fino a suicidarsi il 7 giugno 1954. Accanto a lui fu trovata una mela non consumata del tutto, diventata oggi il simbolo della Apple.

Le scuse ufficiali da parte del suo Paese per l’ingiusta persecuzione subita da Turing arrivarono solo dieci anni fa, quando il primo ministro Gordon Brown disse che Alan era stato vittima di un trattamento omofobico. Seguì nel 2013 la grazia postuma da parte della Regina Elisabetta.

Oggi a chiedere scusa ad Alan Turing è il popolo britannico, scegliendolo tra mille scienziati candidati come simbolo d’orgoglio del Regno Unito.

Ti è piaciuto questo articolo? Proponici come miglior sito LGBT ai Macchianera Internet Awards 2019
Leggi anche: Nero, giovane e trendy: l’equivoco di Magid Magid al Parlamento Ue

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *