Eurovision, la band russa Little Big deride il Pride con frasi omofobe in un video

Un video mostra il gruppo russo Little Big, selezionato per partecipare all’Eurovision Song Contest 2020, commentare con espressioni omofobe il Pride di Bruxelles.

Quando gli eurofan LGBT+ hanno visto il video ufficiale di Uno, la canzone proposta dai Little Big, hanno tirato un sospiro di sollievo. Dall’omofoba Russia arrivava, infatti, un video caratterizzato dai colori della bandiera dell’orgoglio trans e in cui si faceva satira contro il leader Kadyrov, coinvolto nelle numerose torture ai danni della comunità LGBT+ cecena.

Di recente, però, il blogger lituano Geizeris, ha pubblicato su YouTube un video girato al Belgium Pride del 2017 in cui i membri della band deridono le persone LGBT+ e si chiedono il perché dell’assenza di un pride per gli etero.

Il vlog inizia con Ilya Prusikin, leader della band, che elogia un club per aver esposto una bandiera arcobaleno. «Guarda quanto è carino, lì vive qualcuno a cui piace l’arcobaleno – dice – È bellissimo quando alle persone piace l’arcobaleno».

Il commento, per quanto sui generis, sarebbe sembrato un po’ naïf se non fosse stato per la replica del collega Anton Lissov: «Sono i fr**i che appendono quelle cose con gli arcobaleni, probabilmente a loro piace l’arcobaleno, ma sicuramente sco**no il c*lo».

Il video continua con Prusikin che, prima di passare tra la folla presente alla parata, finge di disfarsi di un treppiede «perché potrebbe attirare i fr**i». Quando Lissov gli chiede dove lo avesse nascosto, lui dice di non saperlo, zoppicando vistosamente come ad alludere che lo avesse inserito nell’ano.

La ciliegina sulla torta di questo video di pochi minuti è il chiedersi il perché di una parata per il Pride. «Perché le persone a cui piace il sesso anale tra uomo e uomo o il sesso vaginale tra donna e donna tengono sfilate? – dice Prusikin – Perché non ci sono sfilate per coloro a cui piace inserire il loro “willy” nella vagina delle donne? Facessero un Pride per gli amanti della vagina, ci andremmo tutti».

Successivamente, la band viene riconosciuta da un fan che chiede un selfie e Prusikin borbotta: «La prossima volta fingo di non essere io. Mi mette a disagio essere riconosciuto in un evento come questo».

«Siamo molto tristi nel vedere che i rappresentanti russi non condividono le idee di tolleranza e accettazione – ha dichiarato a PinkNews l’attivista lituano Tomas V Raskevičius che ha contribuito a rendere virale il video – Data la disastrosa situazione dei diritti umani LGBT+ in Russia, vogliamo essere sicuri che le persone sappiano quali idee Little Big sta cercando di vendere in Europa. L’Eurovision Song Contest è un evento importante per molte persone LGBT+ in tutta Europa, soprattutto in quei Paesi in cui si registrano ancora violazioni dei diritti umani».

Con l’augurio che le idee omofobe della band siano cambiate nel corso di questi due anni, aspettiamo la risposta ufficiale del comitato organizzativo dell’Eurovision Song Contest che, al momento, ancora non è arrivata.

EDIT 19/03/2020 14:59: In molti sostengono che il gruppo abbia fatto dell’ironia nel video al centro della polemica e che l’obiettivo fosse quella di ridicolizzare i comportamenti dei propri connazionali omofobi. Se è così, non può che farci piacere, anche se rimaniamo dell’avviso che sia inappropriato pubblicare un video con un linguaggio omofobo, a prescindere dall’intento, e che forse bisognerebbe veicolare meglio il messaggio dato che la notizia è stata ripresa da quotidiani di tutta Europa. Ognuno può farsi la propria idea guardando il video incorporato nell’articolo con i sottotitoli in inglese (che abbiamo tradotto in italiano in questo articolo).

2 thoughts on “Eurovision, la band russa Little Big deride il Pride con frasi omofobe in un video

  1. Che stupidità che avete inventato e scritto.Vergoniatevi!!! Cosa ce di Cadirov qui? E solo un ragazzo che balla e ha la sua storia particolare.Non centra la canzone niente con omofobia .Falsi che siete!

    1. Cara Svetlana,
      dove hai letto che diciamo che la canzone è omofoba? E chi è Cadirov? Sei sicura di aver compreso il testo dell’articolo? Abbiamo riportato le frasi dette da alcuni commponenti della band nel video girato al Pride di Bruxelles e la denuncia di un attivista lituano. Se pensi che ci sia un errore nella traduzione dal russo puoi fornirci la tua versione.

      Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *