Marco Bianchi: «Sono gay, così l’ho detto alla mia ex moglie e a mia figlia»

Marco Bianchi, il bel cuoco salutista della TV italiana, si è raccontato a 360 gradi in un’intervista per il Corriere, rispondendo a una domanda che in molti stavano rivolgendo negli ultimi mesi a Google: è gay?

I più ricorderanno Marco Bianchi per la sua partecipazione a La Prova Del Cuoco sotto la conduzione di Antonella Clerici. In quell’occasione, il cuoco aveva presentato al pubblico quella che allora era sua moglie, Veruska, fidanzata di gioventù con cui è convogliato a nozze. Nel tempo, i follower più attenti hanno però notato nelle sue Instagram stories che la presenza dell’influencer Luca Guidara, esperto dell’ordine domestico, diventava sempre più assidua.

Marco ha introdotto con natualezza e senza mai fare un coming out esplicito il suo nuovo amore al pubblico, pubblicando foto e video della sua quotidianità con Luca, in cui è immancabile la presenza di sua figlia Vivienne. Dalle faccende domestiche in casa insieme si è passati a una foto mano nella mano, poi la partecipazione al Pride e le vacanze insieme in Liguria e in Salento.

«Esiste un cerchio della sicurezza che conquisti quando hai messo insieme tutti i tuoi pezzettini di vita: l’acquisto di casa, un lavoro sicuro, il matrimonio, l’arrivo di un figlio… Allora, emerge una forza con la quale puoi buttare giù un muro o, finalmente, ammettere di essere omosessuale». Inzia con queste parole, il coming out definitivo di Marco Bianchi, che in una lunga e dettagliata intervista spiega com’è riuscito a trovare il suo vero equilibrio dopo che aveva seguito il modello impostogli dalla famiglia e dalla società.

Il cuoco racconta di avere sempre avuto un’attrazione per i maschi, fin da quando era un ragazzino timido e cicciottello, facile vittima per i bulli. Condizionato dall’ambiente esterno, Marco racconta che ha creduto realmente alla sua storia con Veruska e al matrimonio, da cui è nata una bambina, ma «una sera, mentre la bimba dormiva, le ho detto “sono omosessuale, lo sono sempre stato, però solo ora ho capito che sto bene con te ma come amico, perché quello che va oltre, probabilmente, è con un uomo”».

Dopo un periodo di grandi sofferenze, che Marco ha superato anche grazie a uno psicologo, è arrivato Luca. Rimaneva però il tassello, apparentemente, più complicato: spiegarlo a sua figlia. «Ci siamo consultati con il pediatra, le maestre, la psicologa – racconta Marco – Poi, le ho raccontato la verità. Le ho spiegato: “Io voglio tanto bene a mamma e sei nata tu, ma ho scoperto che il mio cuore batte più forte con Luca accanto”».

«L’ha accettato con naturalezza – spiega il cuoco – Dopo un primo incontro finto-causale con lui, l’ha visto per un gelato, una pizza e, ora, è il “suo” Luca. E, ora, io so che una seconda vita esiste». Quella seconda vita continua a scorrere e Marco Bianchi ce ne rende partecipi con delle foto che scaldano il cuore.

 

Leggi anche: Il cibo Queer arriva nei ristoranti e l’inclusività è servita

3 thoughts on “Marco Bianchi: «Sono gay, così l’ho detto alla mia ex moglie e a mia figlia»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.