Ragazza trans presa a calci da due minorenni: il video finisce sui social

Nuove violente immagini di un’aggressione diventano virali sui social. Dopo i video girati a Sassari e Roma, questa volta è Torre del Greco a fare di teatro a un violento attacco nei confronti di un’indifesa donna trans. L’episodio è stato ripreso con uno smartphone dagli stessi aggressori, o comunque da alcuni testimoni, dall’interno di un’automobile verso la quale si dirigono i ragazzi negli ultimi istanti del video.

Si tratta di pochi secondi in cui la ragazza cerca di scappare urlando, ma una volta raggiunta viene spinta a terra e presa a calci. Gli aggressori sarebbero minorenni, mentre la vittima è stata identificata come una donna trans da un nostro lettore, ma anche da Daniela Falanga, presidente di Arcigay Napoli, che ha denunciato l’accaduto su Facebook. «Conosciamo la persona inseguita e presa a calci – scrive Falanga – Si tratta di una donna trans già supportata da Antinoo Arcigay Napoli e PRIDE Vesuvio Rainbow in diversi momenti. Stiamo in tutti i modi cercando di contattarla per mostrarle sempre vicinanza e aiuto. Ci impegneremo a darle il massimo sostegno».

«Abbiamo provveduto a girare le immagini alle forze dell’ordine – ha dichiarato a Fanpage il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli (Europa Verde) – affinché procedano all’identificazione dei due vigliacchi, perché siano denunciati. Episodi del genere sono inaccettabili, sanno di prevaricazione e pregiudizi intollerabili. Niente può giustificare l’esercizio della violenza e della prepotenza, nessuno può decidere deliberatamente di agire a scopo intimidatorio contro altri».

Come succede purtroppo spesso in questi casi, la stampa generalista ha riportato la notizia parlando della vittima come un «ragazzo omosessuale». Non ci sono ancora elementi per affermare con certezza che si sia trattato di un attacco di matrice omotransfobica, anche se le immagini sono abbastanza eloquenti.