frame di Fanpage.it

Omofobia a Como: preso a sassate e insultato perché gay

A Inverigo, in provincia di Como, un ragazzo è stato preso a sassate e ricevuto insulti omofobi da quindici persone perché aveva i capelli colorati di rosa. Thomas, questo il nome del ragazzo, ha raccontato a Fanpage quello che gli è accaduto il 31 gennaio scorso.

Da poco uscito dalla zona arancione il ragazzo aveva deciso di uscire per fumare una sigaretta all’aperto. Pochi minuti dopo l’ha raggiunto un gruppo di quindici persone che hanno a iniziato a insultarlo per il colore dei capelli, ipotizzando da questo il suo orientamento sessuale. «Ric***one, fr**io di m***a, muori» sono solo alcune delle offese che Thomas ha dovuto ascoltare.

Non ricevendo nessuna risposta alle pesanti ingiurie, il branco ha iniziato, quindi, a tirare pietre al malcapitato. «Essendo un luogo in pendenza, me le lanciavano dall’alto – racconta il ragazzo – Miravano la zona alta del corpo. Alcune pietre hanno anche fatto il filo alla zona testa e spalle».

Riuscito a scappare, Thomas si è rivolto alle forze dell’ordine, che hanno promesso di inviare nel posto una pattuglia mai arrivata. «Le autorità di solito dicono di andare a denunciare qualsiasi cosa accada. – dichiara – I carabinieri, però, mi hanno chiamato qualche giorno fa dicendo che non aveva senso farlo. Non avrebbero mai preso in considerazione la denuncia».

«Avevo paura di parlare, perché so che c’è gente che ha subito cose più gravi per l’omotransfobia. – conclude Thomas – Penso, però,  che nel 2021 non ci debba essere per forza del sangue o una morte per fare qualcosa. Non siamo nel Medioevo, bisogna prendere precauzioni, tutelare e aiutare».

2 thoughts on “Omofobia a Como: preso a sassate e insultato perché gay

Comments are closed.