Per Striscia la Notizia, Vladimir Luxuria è una donna «per approssimazione»

Donna per approssimazione. È così che Vladimir Luxuria è stata definita, durante l’ultimo servizio di Striscia la Notizia, parlando della tampon tax.

Nella scorsa puntata, andata in onda ieri sera su Canale 5, l’inviata Rajae Bezzaz è tornata a parlare della tanto discussa tassa sugli assorbenti. In Italia, infatti, essi sono considerati come prodotto “di lusso” e tassati, quindi, con un IVA al 22%. Un tema, questo, già dibattuto da Bezzaz a partire dal 2017, quando era andata ad intervistare alcune cariche dello stato, quali l’allora ministra della salute Beatrice Lorenzin e la presidentessa della Camera Laura Boldrini.

Questa volta, però, l’inviata ha tenuto a precisare come, nel mondo dello spettacolo, le donne fossero restìe a parlare di una simile tematica. Ed è proprio qui che, l’inviata, ha usato un termine piuttosto infelice, per indicare le successive due persone pronte a sostenere l’annullamento della tampon tax. «Tra le donne dello spettacolo abbiamo riscontrato un certo imbarazzo a parlare di assorbenti – ha detto Bezzaz – Tant’è che abbiamo cercato di arrivarci per approssimazione».

La frase in questione, quindi, è servita da transizione verso i video-appelli di Vladimir Luxuria e Platinette. Ad indicare, quindi, che l’attivista trans ed ex deputata italiana e la drag queen fossero simboli di una sorta di quasi- femminilità. Questa uscita non è passata inosservata agli occhi del popolo di Twitter che ha prontamente replicato sul social. «Che schifo di servizio…. – scrive un utente – Con Rajah che parla di Donne “per approssimazione” per indicare l’intervento in video di Vladimir Luxuria e Platinette. Uno scivolone assurdo, e menomale si parlava di donne, assorbenti e necessità di abbassare l’Iva». Ancora da attendersi, è la replica di Vladimir alla spiacevole espressione utilizzata nel TG satirico.