Milano ha detto #OraBasta! all’omotransfobia e alla misoginia

Questo pomeriggio a Milano centinaia di persone si sono incontrate in Piazza della Scala a Milano per dire “Ora Basta!” all’omotransfobia e alla misoginia e chiedere che venga approvato al più presto il disegno di legge Zan, la cui discussione alla Camera riprenderà il prossimo 20 ottobre.

Sul palco della manifestazione, accompagnata dall’hashtag #OraBasta e organizzata dai Sentinelli di Milano, Da’ Voce al Rispetto e altre realtà associative, sono intervenut* la senatrice Alessandra Maiorino (che ha presentato una delle proposte di legge poi confluite nel testo presentato alla Camera), la vicepresidente della Regione Emilia-Romagna Elly Schlein, il primo sindaco dichiaratamente trans d’Italia, Gianmarco Negri, la sindaca di Lizzano divenuta un simbolo della lotta contro l’omotransfobia, Antonietta D’Oria, il giornalista Simone Alliva, autore del saggio “Caccia all’omo” sul tema dell’omotransfobia nel nostro Paese e altri personaggi del mondo della politica e dell’informazione.

Irrinunciabile la presenza dell’onorevole Alessandro Zan, che ha ringraziato il sindaco di Milano Beppe Sala per il suo endorsement giunto nelle scorse ore. «Questa è una legge che tutela, che sostiene, che protegge le persone più vulnerabili, è una legge di civiltà – ha affermato il deputato del PD, che ha ricordato il cortenuto dell’articolo 3 della Costituzione – Non ci possono essere esponenti politici come Salvini e Meloni che usano strumentalmente la Costituzione per dire che questa legge sia contro la libertà d’espressione». Rivolgendosi ai due leader sovranisti, Zan ha aggiunto: «La libertà di espressione significa continuare a insultare, ad incitare all’odio, a discriminare le persone per quello che sono? Io dico a Salvini e Meloni: basta, non vi permetteremo più di usare la nostra Costituzione per continuare a discriminare».

#ORABASTA

Grazie Milano✌🏻🏳️‍🌈E grazie a tutte e a tutti coloro che sono arrivati in Piazza della Scala a sostenere la legge contro l’#omotransfobia e la #misoginia. Un messaggio fortissimo di speranza per tutto il Paese.È di tempo legge. Adesso!#orabasta#stopomotransfobia

Slået op af Alessandro Zan i Lørdag den 10. oktober 2020

View this post on Instagram

Sen. Alessandra Maiorino #10ottobre #orabasta

A post shared by I sentinelli di Milano (@isentinellidimilano) on

Chiedo al Parlamento di accelerare la discussione sul disegno di legge Zan e di farlo in tempi rapidi, superando gli…

Slået op af Beppe SalaFredag den 9. oktober 2020

Settimana prossima iniziative in 50 piazze italiane

Dopo l’esperienza di Milano, settimana prossima a chiedere una giusta legge contro l’omotransfobia saranno alcune decine di piazze sparse per il Paese con flash mob e banchetti. L’iniziativa fa parte della campagana Dalla Parte Dei Diritti – promossa tra gli altri da NEG Zone – insieme a una petizione che ha superato le 64mila firme, a cui potete aderire su All Out (a questo link).

«In questi giorni il Parlamento è impegnato nella discussione della proposta di legge contro l’omotransfobia e la misoginia – si legge sul manifesto politico dell’evento – È arrivato il momento che l’Italia segua l’esempio degli altri Paesi europei. Da troppi anni attendiamo una legge seria ed efficace per contrastare la violenza e le discriminazioni verso le persone LGBT+ e le donne, tutelando le vittime con risorse adeguate e politiche concrete. Non si può più girare la testa dall’altra parte. È ora di fermare l’odio». Segue l’elenco delle manifestazioni confermate (in aggiornamento).

Agrigento 17:00 Piazza Cavour
Alessandria 16:00 Piazza Santa Maria di Castello
Ancona 16:00 Piazza Cavour
Aosta 16:00 Piazza Porte Pretoriane
Arezzo 17:00 Piazza San Jacopo
Asti 16:00 Piazza Marconi, 7
Bagheria 17:00 Piazza Messina Butifar
Bergamo 15:00 Piazza Giacomo Matteotti
Brindisi 18:00 Piazzetta Fornaro
Campobasso 18:00 Piazza Municipio
Caserta 17:00 Piazza Alfonso Ruggiero
Catania 17:00 Piazza Stesicoro
Chieti 17:00 Largo Martiri della Libertà
Cremona 16:30 Piazzetta di Via Goito
Cuneo 16:00 Piazza Audifreddi
Ferrara 16:00 Piazza della Cattedrale
Frosinone 16:30 Piazza Don Carlo Cervini
Genova 16:00 Piazza Raffaele De Ferrari
L’Aquila 16:00 Villa Comunale
Lecce 18:00 Piazza Sant’Oronzo
Livorno 16:00 Piazza Cavour
Messina 17:00 Piazza Unione Europea
Milano in aggiornamento in aggiornamento
Modena 14:30 Piazza Mazzini
Novara 15:30 Piazza della Repubblica
Padova 17:00 Via VIII Febbraio, 8 – davanti Palazzo Moroni
Palermo 17:00 Piazza Verdi
Pavia 16:00 Piazza della Vittoria
Pesaro 16:30 Piazza Lazzarini
Pescara 18:00 Piazza Primo Maggio (Nave Cascella)
Reggio Calabria 17:30 Piazza Italia
Reggio Emilia 15:00 Piazza Martiri del 7 luglio
Rieti 16:30 Piazza Vittorio Emanuele
Roma 16:30 Pantheon – Piazza della rotonda
Rovigo 16:00 Piazza Matteotti
San Gemini 17:00 Piazza San Francesco
Sanremo 10-18 Via Escofier
Siena 16:00 Piazza Salinbeni
Taranto 17:30 Piazza Maria Immacolata
Trieste 17:00 Piazza dell’Unità d’Italia
Varese 16:00 Piazza Monte Grappa
Vicenza 17:00 Piazza Matteotti