Foto: Lady Gaga/Instagram

Black Lives Matter, Lady Gaga e le altre icone del pop asfaltano Donald Trump

«Sono oltraggiata dalla morte di George Floyd come lo sono stata dalla morte di troppe vite nere in questo Paese a causa del razzismo sistemico e dei sistemi corrotti che lo supportano». È con queste parole che la cantante Lady Gaga commenta la brutale morte di George Floyd, l’uomo di colore soffocato da un poliziotto durante il suo arresto. La vicenda, che ha fatto il giro del mondo attraverso un video girato durante l’aggressione, ha scosso molti animi e ha messo alla luce il razzismo violento presente ancora ai giorni nostri negli Stati Uniti.

«Le voci della comunità nera sono state messe a tacere per troppo tempo e quel silenzio si è dimostrato più volte mortale – continua la cantante nel post pubblicato su Facebook – La gente di tutti i giorni in America è razzista, questo è un dato di fatto».

Il problema, secondo la cantante, è alimentato dalla politica dell’attuale presidente degli States, Donald Trump, verso il quale Gaga muove le sue accuse. «Sappiamo da molto tempo che il presidente Trump ha fallito. Ricopre l’ufficio più potente del mondo, ma non offre altro che ignoranza e pregiudizio mentre continuano a essere prese vite nere – scrive – Sappiamo da quando è entrato in carica che è uno sciocco e un razzista. Sta alimentando un sistema già radicato nel razzismo e possiamo vedere tutti cosa sta succedendo».

«È tempo di cambiare e mostrare il nostro amore per la comunità nera – conclude la cantante – Come donna bianca e privilegiata, giuro di impegnarmi affinché questo avvenga. In quanto comunità privilegiata, non abbiamo fatto abbastanza per combattere il razzismo e difendere le persone che ne vengono uccise. Questa non è giustizia e userò le parole che posso per cercare di comunicare ciò che deve cambiare».

I have a lot of things to say about this, but the first thing I want to say is I’m afraid to say anything that will…

Slået op af Lady GagaLørdag den 30. maj 2020

Non solo Lady Gaga: le altre popstar contro Trump

Lady Gaga non è la sola ad essersi schierata apertamente contro il razzismo in generale e contro Trump in particolare. Anche Madonna, in un post su Instagram, ha dichiarato il suo sostegno alle manifestazioni antirazziste che si sono tenute in questi giorni.

«La gente marcia attraverso l’America per protestare contro l’omicidio brutale di George Floyd e di tanti altri – si legge – E come americani abbiamo il diritto di farlo.È giunto il momento che piaccia o meno a Trump. Non può fermarlo».

E, ancora, in un altro post: «Tutto questo deve finire! Fino a quando non riusciremo a superare il problema del razzismo nessuno dovrebbe essere permesso di portare con sé una pistola. Nemmeno ai poliziotti».

Non ha mezzi termini nemmeno Taylor Swift che dedica al presidente un tweet taggandolo. «Dopo aver alimentato i fuochi della supremazia bianca e del razzismo per tutta la presidenza, hai il coraggio di fingere la superiorità morale prima di minacciare la violenza? – scrive – ‘Quando inizia il saccheggio, iniziano le riprese’??? Voteremo per farti andare via a novembre».

Beyonce ha lanciato, invece, una petizione per trovare giustizia per la morte di Floyd. «Non possiamo continuare a guardare altrove – dice in un post su Instagram – Non ci possono essere più uccisioni senza senso di esseri umani, non è più possibile vedere gente nera trattata come se la loro vita valesse di meno. Sono troppe le volte in cui questa violenza non ha avuto conseguenze»

La lista delle popstar che si sono unite al movimento di Black Lives Matter è molto lunga e continua, ora dopo ora, ad aggiornarsi. Tra le altre troviamo Ariana Grande e Halsey che hanno preso parte alle manifestazioni che si stanno svolgendo in diverse città degli Stati Uniti.

Idolize an artist who actually stands for what's right not just on social media but the one who will actually BE THERE TO STAND WITH U.Huge respect to Ariana Grande.

Slået op af H 0 ESøndag den 31. maj 2020